Dante e l'economia. Un grande convegno a Lugano nel 2021 per riflettere sull'utopia dantesca

June 11, 2020

I supplementari

May 9, 2020

L'attualità di Wyeth

April 3, 2020

Forgotten Spanish Women Authors : Las Sinsombrero and Switzerland

May 7, 2019

1/9
Please reload

June 9, 2017

Siamo a Roma, è primavera, esattamente è' l'11 maggio del 1592, quando un giovane pittore poco più che ventenne, borioso e attaccabrighe, arriva da Milano con un enorme fardello sulla coscienza, un peso che avvertirà per tutta la vita, e la sua presenza viene subito notata dai rappresentanti della Giustizia. Da documenti  recentemente scoperti negli archivi criminali del Vaticano da Vincenzo Pacelli apprendiamo che il giovane lombardo ha l'abitudine di girare armato anche senza autorizzazione, di frequentare le zone peggiori della città tra l’una e le cinque di notte, di detestare di tutto cuore l'autorità costituita, rappresentata all'epoca dagli sbirri e di non perdere quindi occasione per provocarli.

Caravaggio è un giovane malaticcio, "sozzo e pessimamente vestito", arrivato con la precisa idea in testa di avere successo. La Roma che egli conoscerà è ben lontana da quella a noi nota: è una Roma pre-barocca, che ancora non è stata toccata o "ritoccata" dall'arte del Bernini e del Bor...

Please reload

Who's Behind The Journal

Visit

    Like what you read? Donate now and help us awaken the movement of ideas   

© 2017 by ENERGIE9