I supplementari

May 9, 2020

L'attualità di Wyeth

April 3, 2020

Forgotten Spanish Women Authors : Las Sinsombrero and Switzerland

May 7, 2019

The invention of a new colour pervaded by blessedness : the voice of Moran Magal

October 9, 2018

1/9
Please reload

February 6, 2018

Domenica 4 febbraio, alle 17, platea e balconata del LAC erano insolitamente gremite. Tra il pubblico, scrittori (tra cui Alberto Nessi), docenti universitari e molti giovani. In scena, tre attori magistrali, che per quasi due ore, su un palco sobriamente allestito come un’aula di fisica dei primi del Novecento, sono riusciti a tenere tutti col fiato sospeso, parlando di meccanica quantistica e di sorti dell’umanità: Giuliana Lojodice, Umberto Orsini e Massimo Popolizio hanno superato se stessi in Copenhagen, dramma dell’inglese Michael Frayn. Lunedì 5 e martedì 6 si è replicato a Locarno.

Il successo che lo spettacolo, anche da noi, come in tutto il mondo, sta ottenendo dal 1998 ha dell’inspiegabile, considerando l’argomento che affronta: un giorno di settembre del 1941 – in una Copenhagen invasa dai Nazisti – Niels Bohr, il fisico teorico danese che nel 1922 ottenne il Nobel, per metà ebreo, con la moglie Margrethe, riceve la visita inattesa dell’allievo più brillante, Werner Heisenbe...

Please reload

Visit

    Like what you read? Donate now and help us awaken the movement of ideas   

© 2017 by ENERGIE9